Anche i compositi risalgono la china

La produzione europea è tornata l’anno scorso sui livelli pre-pandemia, dopo aver perso il 15% dei volumi tra il 2018 e il 2020. Sul futuro pesano le incognite dello scenario globale.